Condividi

Vini Bianchi Descrizione ed abbinamenti
Catalanesca Importata dalla catalogna da Alfonso di Aragona nel 1450, vinificata in purezza presenta aromi volatili notevolmente presistenti a differenza di quanto accade con altri bianchi della zona. Leggermente vivace, si abbina a piatti di pesce, crostacei e stoccafisso.
Coda di volpe Meglio conosciuta come caprettone e alla base della produzione del Lacryma Christi del Vesuvio. Raccolta leggermente in anticipo rispetto alla vendemmia tradizionale, è vinificata in purezza. Dal colore giallo paglierino tenue con sentore di fiori e frutta fresca vesuviana. Corposo e morbido, si abbina a piatti delicati, carni bianche e pesce. Servire a temperature 8-9° c.
Vesuvio doc La qualità di questo vino è garantita dal terreno e dalla sue origine vulcanica. E' ottenuto dalla vinificazione di uvaggio tipico, è con la fermentazione prolungata con vinaccia. Il suo gusto pieno ed il suo aroma ricco e variegato della frutta rossa matura, lo rendono piacevole al consumo. Si accompagna a pirmi forti , alle carni rosse, agli arrosti ed ai formaggi piccanti.
Falanghina doc campi flegrei Dagli omonimi vitigni delle colline vulcaniche dei cmpi flegrei, trae origine questo vino dal sapore asciutto, gradevole, fruttato, ideale se abbinato a piatti di pesce, viene imbottigliato nei suoi stessi luoghi di origine, proprio come duemila anni fa, su quelle terre che furono care a Virgilio. Colore paglierino del tufo di Napoli, riflessi verdognoli del lago di Aveno, atmosfera misteriosa dell'antro della sibilia: questo è Falanghina, il vino della terra del fuoco. Servire a temperatura 8-10° c.
JoomSpirit